Meet For Fun


 
IndiceCercaRegistratiAccedi

Condividi
 

 Postal (uscita 8 ottobre 2008)

Andare in basso 
AutoreMessaggio
kratos83
Re
Re
kratos83

Maschio
Numero di messaggi : 75
Età : 36
Località : Lodi
<b>ID PSN</b> : kratos0983
<b><font color=\"green\">ID Xbox Live& : onizukamme
Data d'iscrizione : 27.09.08

Postal  (uscita 8 ottobre 2008) Empty
MessaggioTitolo: Postal (uscita 8 ottobre 2008)   Postal  (uscita 8 ottobre 2008) Icon_minitimeLun 6 Ott 2008 - 12:07

Postal  (uscita 8 ottobre 2008) Postal10

TRAMA
Ecco qui la giornata tipo di Postal Dude, a zonzo nella ilare cittadina di Paradise. Per la serie "non c'é mai fine al peggio", proprio quando il nostro eroe pensa di aver toccato il fondo, le cose iniziano a precipitare. Dopo aver sopportato le angherie della moglie, dopo una disastrosa intervista di lavoro, dopo un viaggio umiliante all'ufficio di collocamento, Dude si ritrova nella comune di zio Dave - praticamente l'ultima spiaggia. Nonostante sia il capo di una promiscua setta religiosa, Dave è però anch'egli in difficoltà finanziarie. È così che Dude e Dave si alleano per mettere illegalmente le mani su qualcosa di prezioso: le bambole Krotchy! Sfortunatamente per loro i talebani, meglio equipaggiati e meglio organizzati, hanno deciso di riunirsi proprio a Paradise, e per motivi assai più sinistri - almeno in apparenza. Le cose iniziano a sfuggire di mano quando Osama Bin Laden è costretto a chiamare il suo fraterno amico George W. Bush come copertura. Dude imparerà che non c'è nulla di più edificante che lasciarsi andare a violenza e distruzione, quando non si ha più nulla da perdere. E soprattutto apprenderà che non c'è nulla che una sana esplosione nucleare non possa risolvere!


Per capire quale spirito demenzial-anarchico si trovi alla base di "Postal", più che tirare in ballo l’assurda sequenza di apertura, con due terroristi islamici alla guida di uno degli aerei dell’11 settembre che si mettono a discutere sul numero di vergini promessogli per l’eternità, occorre attendere il momento in cui il regista Uwe Boll, nei panni di sé stesso, prima dichiara che i suoi film sono finanziati con l’oro nazista, poi, in un particolare momento, afferma: "Odio i videogiochi".
Affermazione che non può fare a meno di suscitare risate se pensiamo che il cineasta tedesco ha praticamente costruito la sua carriera in maniera quasi esclusiva sulle riletture cinematografiche dei videogame, da "House of the dead" (2003) a "BloodRayne" (2005), fino allo stesso "Postal", il cui protagonista Postal Dude (Zack Ward), stanco delle angherie della volgare moglie obesa e reduce da un disastroso colloquio di lavoro, prima si allea allo zio Dave (Dave Foley), capo di una promiscua setta religiosa ed in difficoltà finanziarie, per mettere illegalmente le mani sulle preziose bambole Inguinal a forma di pene (!!!), poi arriva a convincersi che, quando non si ha più niente da perdere, non c’è nulla di più edificante del lasciarsi andare a violenza e distruzione.
Lo script per mano dello stesso regista in collaborazione con Bryan C. Knight, quindi, non funge altro che da pretesto per trasformare l’ilare cittadina di Paradise in un esilarante inferno di grotteschi personaggi e pallottole volanti volto ad attaccare senza sosta e senza regole tutto e tutti, da una presunta fraterna amicizia tra Osama Bin Laden (Larry Thomas) e George W. Bush (Brent Mendenhall) all’ipocrisia di chi si nasconde dietro la maschera religiosa, includendo anche l’odio secolare nei confronti degli ebrei e frecciatine al lavoro di poliziotti e giornalisti.
Per un’esplosiva (in tutti i sensi) miscela che, infarcita con un pizzico di splatter e senza preoccuparsi troppo di scadere nell’offesa (del resto si tratta di finzione), sembra mettere alla berlina l’intero sistema a stelle e strisce (e non solo) ricorrendo ad una comicità figlia sicuramente della ZAZ di Jim Abrahams e i fratelli Zucker, ma che ricorda in diversi momenti anche i prodotti Troma, l’irriverenza southparkiana di Trey Parker e Matt Stone e perfino la saga dei pomodori assassini di John De Bello.
E, alla faccia di chi ha definito Boll il peggior regista d’inizio millennio, si riesce nella ormai non più facile impresa di costringere lo spettatore a sfoggiare in non poche occasioni il proprio sorriso.

_________________
Postal  (uscita 8 ottobre 2008) Rxw16ueyrb2ox5jlas99

Postal  (uscita 8 ottobre 2008) Xa1e2npn9u19qndcyt1r
Torna in alto Andare in basso
 
Postal (uscita 8 ottobre 2008)
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Meet For Fun :: Cinema :: Home Cinema-
Vai verso: