Meet For Fun


 
IndiceCercaRegistratiAccedi

Condividi
 

 Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008)

Andare in basso 
AutoreMessaggio
kratos83
Re
Re
kratos83

Maschio
Numero di messaggi : 75
Età : 36
Località : Lodi
<b>ID PSN</b> : kratos0983
<b><font color=\"green\">ID Xbox Live& : onizukamme
Data d'iscrizione : 27.09.08

Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008) Empty
MessaggioTitolo: Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008)   Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008) Icon_minitimeLun 6 Ott 2008 - 11:55

Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008) Chiama10

TRAMA
Il trillo dei telefoni cellulari é diventato ormai una consuetudine in tutto il mondo, ma le chiamate che riceve un gruppo di ragazzi sono decisamente fuori del comune. Alla risposta, infatti, i ragazzi sentono un messaggio registrato, con la loro stessa voce, che gli avverte della loro futura morte con tutti i dettagli di quello che succederà...


Tratto dal romanzo "Chakushin Ari" del famoso scrittore giapponese Yasushi Akimoto e datato 2003 (ma da noi arrivò solo nell’estate successiva), "The call-Non rispondere", miscuglio di idee già sfruttate in "The ring", "Phone", "Ju-On" e "Final destination", è stato da molti definito come uno dei meno riusciti lavori del prolifico Takashi Miike, probabilmente perché privo di quella cinica rappresentazione della violenza che ha finito per trasformarsi nel marchio di fabbrica dell’autore di "Ichi the killer".
Dopo i sequel "The call 2" e "The call-Final", rispettivamente diretti da Renpei Tsukamoto e Manabu Asou, la vicenda torna sullo schermo in una produzione a stelle e strisce la cui regia, però, è stata affidata al francese Eric Valette, già autore, tra l’altro, dell’horror "Maléfique".
Come nel film originale, quindi, si parte da due giovani che si ritrovano il destino negativamente segnato dopo aver ricevuto nella segreteria telefonica del cellulare messaggi in cui sentono le loro voci nel momento della morte, al quale finisce per assistere l’amica Beth, con il volto della Shannyn Sossamon di "40 giorni e 40 notti".
Tra ossessive suonerie e cellulari che continuano a squillare anche quando privati di batteria, si prosegue con le indagini portate avanti dalla ragazza insieme al detective Jack Andrews, interpretato dall’Edward Burns di "27 volte in bianco", mentre abbiamo modo di assistere anche ad un’apparizione non accreditata della lynchana Laura Harring (è la madre di Beth).
Apparizione sicuramente più rassicurante di quelle degli inquietanti spettri che, insieme ad insetti striscianti digitalmente ricreati, tempestano un’operazione senza infamia e senza lode basata sì sul consueto uso del sonoro volto a generare spaventi spesso telefonati (tanto per rimanere attinenti all’argomento), ma pregevolmente confezionata ed impreziosita dai buoni effetti speciali di trucco supervisionati dal Brian Walsh del terzo "X-Men".
Del resto, con una spiegazione finale decisamente più chiara rispetto a quella incomprensibile fornita da Miike, il suo scopo, come tutti i remake americani di ghost-story dagli occhi a mandorla, è principalmente quello di portare gli spettatori occidentali a conoscenza di storie e tipologie di spettacolo a loro lontane.
Non a caso, lo sceneggiatore Andrew Klavan osserva: "Mentre l’idea di "Chiamata senza risposta" va oltre le barriere linguistiche e culturali, il film originale è rivolto a un pubblico che si presuppone consapevole delle leggende metropolitane giapponesi e di altre tradizioni soprannaturali specifiche, che invece pochi americani conoscono. Questo mi ha spinto ad adattare alcuni elementi in immagini e idee più significative e terrorizzanti per il nostro pubblico".

_________________
Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008) Rxw16ueyrb2ox5jlas99

Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008) Xa1e2npn9u19qndcyt1r
Torna in alto Andare in basso
 
Chiamata senza risposta (uscita 7 ottobre 2008)
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Meet For Fun :: Cinema :: Home Cinema-
Vai verso: